03 giugno 2007


La bilancia pendette
dalla parte dell'ingiustizia.
Nudi, con la nostra vita sul palmo
ciottolo splendente tacevamo
appendendo i nostri corpi
per bilanciare la giustizia con l'ingiustizia.
Nei tuoi occhi,
che avevamo eletti tabella di previsione dei nostri sentimenti,
passò la compassione per la nostra impotenza
e rimase l'ombra dell'amarezza.

La tua casa, mezzo costruita,
si perse nella nebbia.
La tua casa, mezzo bruciata,
protestò alla luce
ma non dicesti nulla
lasciando che la tua tristezza
riempisse i granellini del silenzio.
Ed era come se diventassi straniero.
Ed era come se diventassi amico.
Non c'era posto per la tua dimensione
in quello spazio
e ti sei ristretto nel nostro cuore.


Pitsa Ghalazi (1940), poetessa cipriota
Momenti di adolescenza #8 (1963)
in La sorella di Alessandro e altre poesie, Argo ediz. 2004

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


SIDEROFONO RAUCO oggetto sonoro di
  • antonio de luca



  • visite