24 febbraio 2007

Il miracolo di Gianni Peyla

Miracolo! Gianni Peyla s’“illumina” e inizia ad ammettere l’errore e l’orrore dei 900 lunghi pali neri che il suo assessorato ha donato alla città. Potremmo colorarli e trasformarne almeno la metà in lampioni, questa la risposta alla critica montante. Che inventiva! Che sagacia! Dice di farli “beige” per meglio “digerirli”(!?) e per confonderli con la facciata dei palazzi. Un color ‘finto pietra’, stando attenti alle virate paglierine del ‘lecciso’ certamente sarebbe molto più elegante e la città avrebbe così 900 obelischi! Che attrattiva turistica!
Ma perché non ci hanno pensato prima? Perché i signori di Palazzo Carafa tardano sempre ad imparare le regole della progettazione? Perché non imparano a valutare con studi di fattibilità l’impatto che le loro invenzioni hanno sulla città? Questo permetterebbe di evitare danni e sperpero di denaro. Prendete gli alberi del viale degli studenti, da lor signori ri-costruito: sembra non siano quelli adatti e che soffrano, vanno sostituiti. Ma che volete che se ne freghino, adesso per far andare il filobus dovranno tagliarne degli altri, hanno detto al wwf, avvertito per l’occasione; ma solo quei pini brutti e storti che intralciano l’avanzare della modernità, tutti gli altri avranno frequenti potature. Per concludere consiglio un colore ‘azzurro cielo’ per la caveria della metropolitana di superficie così da confonderla con il cielo, così i leccesi potranno guardarlo senza l’impressione d’essere in gabbia!

mm

...perché farli beige e invece non con delle texture fantasy?
Decora il palo nero!
Francesco Maggiore - bigSur

Etichette:

3 Comments:

Anonymous Alessandro said...

Colorare i pali non credo che sia proprio l'idea giusta...dello stesso argomento, la sciagura dei pali neri, si didiscute anche sul blog della lista Corvaglia www.listacorvaglia.it

17:06  
Blogger vento said...

...non crederai davvero che quella era una vera proposta!!!
ma no... è solo una provocazione!

vs

21:08  
Anonymous Maurizio Madaro said...

Hanno distrutto Lecce, Lui e i suoi compagni d'"affari". Devono morire tra le fiamme del più brutto inferno immaginabile!

08:43  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


SIDEROFONO RAUCO oggetto sonoro di
  • antonio de luca



  • visite